Visita il sito di Radio Città del Capo
Barazzo

Three Gigs in London – 3. Melvins

Nonostante la trasmissione andasse avanti durante il ponte dell’8 dicembre, metà della redazione di Maps è andata a Londra in quei giorni e ha seguito dei concerti anche per voi. Miracoli dei voli low cost o della registrazione audio digitale?

King Buzzo

Martedì 8 dicembre 2009, Relentless Garage: Melvins
Se non fosse stato per il Warp20, la tre giorni di concerti sarebbe stata legata a doppio filo agli anni ’90. La band di King Buzzo e compagnia, che ha un suono così suo e caratteristico, è comunque connessa a quella decade, o ai suoi primi anni, nonostante festeggi nel 2009 il venticinquennale della formazione.
Il Relentless Garage è un posto abbastanza piccolo a Islington, con pavimento di legno e appiccicosissimo, e un pubblico piuttosto eterogeneo, che va da giovinetti alle prime scoperte dei suoni distorti a quarantenni che, chissà, hanno fatto le scuole medie con Buzzo. Prima dei Melvins suonano i Witch, che sembrano i Black Sabbath con pochissima convinzione, e hanno alla batteria uno che assomiglia a J. Mascis. Ah, no: è J. Mascis. Mah. Dimenticabili.
Poi, i Melvins: iniziano con chitarra e batteria. Dopo qualche problema tecnico, e una manciata di pezzi, Buzzo e Willis vengono affiancati anche da Crover e Warren. I Melvins sono al completo, e si lanciano in un’orgia di violenza, un po’ ristretti nelle piccole dimensioni del palco del garage.
Momenti rock totali, quando una ragazza si mostra alla band in topless e Buzzo dice: “Oh, it’s like staring at the sun”. Ma, alla fine, che dire? Che non mi hanno convinto del tutto. Raccontatemi com’è andata all’Estragon, su.

Fine

Articolo pubblicato alle 11:12 del Sunday 13 December 2009, nelle categorie: Mp3, News, Podcast, Speciali.
E' possibile essere aggiornati automaticamente sui commenti a questo articolo, attraverso il feed RSS 2.0.
Non è possibile commentare questo articolo.

Un commento all'articolo “Three Gigs in London – 3. Melvins”

  1. Welcome to England | A Day in the Life dice:

    [...] ho fatto in Inghilterra negli scorsi giorni è stato vedere concerti (e ne ho parlato sul sito di Maps). Quindi, di seguito, piccolissime note prese al volo, con tanto di fotografie altrettanto [...]