Visita il sito di Radio Città del Capo
Barazzo

Revolution Will Be Not Televised, diceva qualcuno…

Ha fatto canzoni che avrebbero potuto cambiare il corso della musica per sempre, quando aveva 20 anni.
Gil Scott-Heron è stato infatti uno dei personaggi più significativi della cultura black degli anni settanta e ottanta: poeta, autore spoken word, scrittore e musicista, è stato considerato come uno dei padri fondatori della musica rap e sostenitore dei diritti e delle lotte della popolazione afro-americana negli anni in cui le morti di Kennedy, Malcolm X e Martin Luther King sembravano aver spento ogni sorta di ottimismo.

Antonio Bacciocchi (musicista, produttore discografico e scrittore) in questa intervista ci parla del poeta soul-jazz e del suo libro Gil Scott-Heron: The Bluesologist, pubblicato da Vololibero Edizioni.
Tra biografia e discografia essenziale, tra vizi e virtù del grande Heron, parliamo con Antonio di come, nonostante le liriche pure, semplici e di grande impatto, Gil Scott-Heron sia stato spesso frainteso e malinterpretato, del suo periodo oscuro, dei suoi rapporti con il collaboratore ed amico Brian Jackson e dei suoi due capolavori: Pieces Of A Man e I’m New Here, di cui vi regaliamo la title-track.

Articolo pubblicato alle 09:00 del Thursday 22 March 2012, nelle categorie: Interviste, Letture, Mp3, Podcast.
E' possibile essere aggiornati automaticamente sui commenti a questo articolo, attraverso il feed RSS 2.0.
Non è possibile commentare questo articolo.

Non è possibile commentare.