Visita il sito di Radio Città del Capo
Barazzo

Il folk secondo Emma Tricca

Ha fatto incontri illustri, di quelli che ti cambiano la vita, avendo modo di parlare con dei miti del folk, il genere a cui la nostra ospite ha dedicato anima e corpo: Emma Tricca, è di lei che stiamo parlando, è un personaggio musicale davvero sui generis. Italiana, ma formata nel Regno Unito, è venuta nei nostri studi per raccontarci la sua storia e suonare dei brani prima del live al BOtanique, qualche giorno fa.

Accompagnata da suo bassista, che ha sfoggiato un look che lo rendeva molto somigliante a Gaz Coombes, Emma ci è venuta a trovare a Maps e ci ha regalato tre brani, di cui uno completamente inedito. Sentite quanto le radici di Emma (il mitologico Folk Studio romano da un lato, e il giro dei club di Oxford dall’altro) si fondono in una versione filologica e personale al tempo stesso del folk.

Articolo pubblicato alle 09:00 del Tuesday 3 July 2012, nelle categorie: Interviste, Live, Mp3, Podcast.
E' possibile essere aggiornati automaticamente sui commenti a questo articolo, attraverso il feed RSS 2.0.
Non è possibile commentare questo articolo.

2 commenti all'articolo “Il folk secondo Emma Tricca”

  1. Egn21 dice:

    Qual è il titolo del disco che nomina per ultimo Emma?

  2. Francesco dice:

    The Hissing of the Summer Lawns, di Joni Mitchell. http://en.wikipedia.org/wiki/The_Hissing_of_Summer_Lawns