Visita il sito di Radio Città del Capo
Barazzo

Gretchen ha le idee chiare: discorsi intorno a Post-Krieg

Tre anni fa Simona Darchini, meglio conosciuta come Simona Gretchen, aveva portato dal vivo a Maps il suo disco d’esordio (Gretchen pensa troppo forte): la scorsa settimana è tornata nei nostri studi per parlare del nuovo  Post-Krieg, uscito per Blinde Proteus e Disco Dada il 21 febbraio, di cui vi regaliamo una traccia (“Hydrophobia”).

Post-Krieg è un disco interessante: otto tracce per ventinove minuti di musica, basata soprattutto su chitarra, basso (suonati da Simona e dal produttore Lorenzo Montanà) e batteria (affidata a Paolo Mongardi); c’è spazio anche per gli archi di Nicola Manzan e la tromba di Paolo Ranieri in un impasto musicale solenne e sobrio. Si percepisce una sorta di rassegnata disperazione nelle canzoni del disco, ma nulla è urlato o scomposto. Simona ha le idee chiare e, lo sentirete dall’intervista, una lucidità invidiabile, anche quando ci spiega perché, dopo questo disco, Simona Gretchen non esisterà più.

Articolo pubblicato alle 09:00 del Tuesday 5 March 2013, nelle categorie: Interviste, Mp3, Podcast.
E' possibile essere aggiornati automaticamente sui commenti a questo articolo, attraverso il feed RSS 2.0.
Non è possibile commentare questo articolo.

Non è possibile commentare.