Visita il sito di Radio Città del Capo
Barazzo

Giacomo Nanni si racconta a Maps

P1060992

Ormai lo sapete che a Maps amiamo i fumetti e anche i fumettisti. Questi ultimi molto spesso sono anche appassionati di musica: per questi ci piace invitarli nei nostri studi a fare, in qualche modo, i dj, oltre che a presentare i loro lavori.

Dopo Gipi ecco Giacomo Nanni: l’autore riminese ha parlato del suo ultimo libro, Cronachette 2, edito da Coconino Press, e ci ha fatto ascoltare tre brani:
- Velvet Underground – I Can’t Stand It
- Sonic Youth – Expressway to yr. Skull
- Gloria Jones – Tainted Love
Un degno accompagnamento musicale alle splendide avventure del protagonista del libro e della sua gatta…

Articolo pubblicato alle 15:51 del Wednesday 1 July 2009, nelle categorie: Interviste, Letture, Mp3, Podcast.
E' possibile essere aggiornati automaticamente sui commenti a questo articolo, attraverso il feed RSS 2.0.
Non è possibile commentare questo articolo.

2 commenti all'articolo “Giacomo Nanni si racconta a Maps”

  1. Angela Putzulu dice:

    Ciao Nanni, debbo dirti che ho trovato molto diretto e simpatico (creativo…) il tuo modo di rapportarti con le persone. Penso che sia davvero divenuto un mondo piatto – schematico uguale (senza colore ) e ne spinte che facciano pensare un attimo in più le persone. Comunque non facile strappare un sorriso a gente apatica e senza testa.
    Bravo Complimenti
    prof. Angela Putzulu

  2. Angela Putzulu dice:

    Ciao Nanni, debbo dirti che ho trovato molto diretto e simpatico (creativo…) il tuo modo di rapportarti con le persone. Penso che sia davvero divenuto un mondo piatto – schematico -uguale (senza colore ) e ne spinte che facciano pensare un attimo in più le persone. Comunque non facile strappare un sorriso a gente apatica e senza testa.
    Bravo Complimenti
    prof. Angela Putzulu
    P.S.
    Seguimi, se vuoi, sul mio blog,grazie. Anch’io ho scritto nel ‘passato’ delle canzoni come paroliera; sono giunta persino in finale a Castrocaro, poi sai come vanno a finire queste cose ed è andata a chiudersi così. Il maestro rimase molto male – ci rifaremno! – No, rispose. – Penso che la fortuna ci ha preso a sciaffi, punto e basta, condita da una grande delusione. Pazienza…
    (seguimi,sul mio Blog, se vuoi grazie. Putzulu