Visita il sito di Radio Città del Capo
Barazzo

Ernest Cline e Player One: cultura 80′s, attitudine nerd e Willy Wonka

Chi è Ernest Cline, vi chiederete? Ernest Cline è l’autore di un bel romanzo, Player One, uscito da poco per ISBN Edizioni. Siamo in un futuro tra una quarantina di anni: tutto ciò che ora va male, andrà peggio. L’umanità è sostanzialmente povera, subisce una crisi energetica che dura ormai da tempo e gli abitanti del pianeta non se la vedono quindi molto bene. Chi può, quasi tutti, passa buona parte della vita connesso a OASIS, una realtà virtuale totalmente immersiva, che è di fatto un altro mondo. Quando il fondatore di OASIS muore, lancia una sfida: in una delle migliaia e migliaia di pianeti che compongono l’universo che ha creato, Halliday ha nascosto degli indizi di una caccia al tesoro dal premio incredibile: chi vincerà sarà il padrone di OASIS (nonché della cospicua fortuna del suo fondatore). Wade, il protagonista del libro, insieme a una manciata di altri giocatori, dovrà affrontare una serie di quiz e sfide del tutto improntate sulla cultura pop (e nerd) degli anni ’80.

Nel giorno della presentazione bolognese al Modo Infoshop abbiamo avuto al telefono proprio Ernest Cline, che ha chiacchierato con noi del suo romanzo, ma anche della sua carriera di sceneggiatore e di partecipante ai poetry slam. Che cosa sono, vi chiederete? Be’, ve lo spiega Cline: buon ascolto!

… e se ancora non ne avete abbastanza:
La perfetta playlist per la lettura di Player One, compilata dall’autore!

Articolo pubblicato alle 08:00 del Thursday 10 November 2011, nelle categorie: Interviste, Letture, Mp3, Podcast.
E' possibile essere aggiornati automaticamente sui commenti a questo articolo, attraverso il feed RSS 2.0.
Non è possibile commentare questo articolo.

Un commento all'articolo “Ernest Cline e Player One: cultura 80′s, attitudine nerd e Willy Wonka”

  1. Rara Airwolf | A Day in the Life dice:

    [...] dall’intervista telefonica del pomeriggio sono riuscito a intuire come fosse l’autore del romanzo, che mi aveva comunque [...]