Visita il sito di Radio Città del Capo
Barazzo

Archivio - December, 2011

La lista di Pietro

I dieci dischi del 2011

1. James Blake – S/t (ATLAS, A&M, Polydor)
2. Girls – Father, Son, Holy Ghost (True Panther Sounds)
3. Oneohtrix Point Never – Replica (Software)
4. A Classic Education – Call It Blazing (Lefse, La Tempesta)
5. J. Mascis – Several Shades Of Why (Sub Pop)
6. Male Bonding – Endless Now (Sub Pop)
7. SBTRKT – S/t (Young Turks)
8. Eddie Vedder – Ukulele Songs (Monkeywrench)
9. I Cani – Il Sorprendente Album D’Esordio Dei Cani (42)
10. Verdena – Wow (Black Out, Universal)

I cinque dischi che… non ce l’hanno fatta

Chad Vangaalen – Diaper Island (Flemish Eye, Sub Pop)
Battles – Gloss Drop (Sacred Bones)
Dirty Beaches – Badlands (Zoo)
Gazebo Penguins – Legna (To Lose La Track)
Timber Timbre – Creep On Creepin’ On (Arts & Crafts)

Cinque canzoni

1. James Blake – Limit To Your Love
2. Girls – Myma
3. I Cani – Post Punk
4. SBTRKT – Right Thing To Do
5. M83 – Midnight City

Cinque concerti del 2011

James Blake (Primavera Sound, Barcelona, 27.05.11)
Odd Future (Primavera Sound, Barcelona, 28.05.11)
Ariel Pink (Primavera Sound, Barcelona, 28.05.11)
Beirut + National (Ferrara Sotto Le Stelle, Ferrara, 05.07.11)
CSS (Estragon, Bologna, 25.11.11)

Il migliore live@MAPS del 2011

Male Bonding (la chicca che uscirà sul web nel 2012 per Less Tv)

Miglior artwork

Fleet Foxes – Helplessness Blues

I tre “music moments” del 2011
Ovverosia, tre momenti particolarmente emozionanti legati alla musica

1. La Bologna-Barcelona in furgone con gli A Classic Education per raggiungere il Primavera Sound. Anche il ritorno.
2. L’intervista fatta a PJ Harvey prima del suo concerto a Ferrara. Mi tremavano le gambe.
3. In due ore circa, conoscere i genitori di James Blake e fumare (senza accorgersene) affianco al batterista dei Fleet Foxes. Sono cose.

Video del 2011

(Tutto ciò che viene partorito dalla mente di questo individuo.)

Pietro | 09:00 | Friday 30 December 2011 | Comments Off
Mp3, Podcast, Speciali

La lista di Federico

I dieci dischi del 2011
1. A Classic EducationCall It Blazing (Lefse, La Tempesta)
2. YuckYuck (Fat Possum)
3. GirlsFather, Son, Holy Ghost (True Panther)
4. The DrumsPortamento (Moshi Moshi)
5. BalkansBalkans (Double Phantom)
6. TwerpsTwerps (Underwater Peoples/Chapter Music)
7. GangliansStill Living (Lefse)
8. Smith WesternsDye It Blonde (Fat Possum)
9. tUnE-yArDs – w h o k i l l (4AD)
10. DestroyerKaputt (Merge)

I cinque dischi del 2011 che non ce l’hanno fatta
Welcome Back SailorsYes/Sun (We Were Never Being Boring)
RazikaProgram 91 (Smalltown Supersound)
Atlas SoundParallax (4AD)
DucktailsDucktails III: Arcade Dynamics (Woodsist)
SBTRKT – s/t (Young Turks)

Cinque canzoni (del cuore e in ordine casuale) del 2011
Last Days of 1984River’s Edge
A Classic EducationForever Boy
KaribeanWe Need The Sun
Zoo KidOut Getting Ribs
Comet GainSome Of Us Don’t Want To Be Saved

Cinque concerti del 2011
Widowspeak (Tatler, Bologna, 5.12.11)
Massimo Volume (Covo Club, Bologna, 8.4.11)
A Classic Education + Okkervil River (Koko, Londra, 22.11.11)
The Vaselines (Whelan’s, Dublino, 12.7.11)
Jens Lekman (Salumeria della Musica, Milano, 27.10.11)

Il migliore live@MAPS del 2011
Sonny and The Sunsets

Miglior artwork
The Weeknd – House of Balloons

I tre “music moments” del 2011
Ovverosia, tre momenti particolarmente emozionanti legati alla musica
1. Una settimana di tour in Europa con gli A Classic Education.
2. Esultare per passaggi sulle radio nazionali italiane, come segno di consacrazione popolare, dei Girls.
3. Incontrare casualmente Jens Lekman in un bar di Glasgow e non disturbarlo.

Video del 2011

Federico Pirozzi | 09:30 | Thursday 29 December 2011 | Comments Off
Mp3, Podcast, Speciali

La lista di Titti

I dieci dischi del 2011 (ordine casuale)
- Shabazz Palaces – Black Up (Sub Pop)
- SBTRKT – SBTRKT (Young Turks)
- Das Racist – Relax (Greedhead)
- Verdena – Wow (Universal)
- The Black Keys – El Camino (Nonesuch)
- James Blake – James Blake (ATLAS)
- Black Lips – Arabia Mountain (Vice Records)
- Dirty Beaches – Badlands (Zoo Music)
- Washed Out – Within and Without (Sub Pop)
- tUnE-YarDs – w h o k i l l (4AD)

I cinque dischi che.. non ce l’hanno fatta
- Timber Timbre – Creep On Creepin’ On (Arts & Crafts)
- Aucan – Black Rainbow (La Tempesta)
- Unknown Mortal Orchestra – Unknown Mortal Orchestra (Fat Possum)
- Ty Segall – Goodbye Bread (Drag City)
- Robot Koch – The Other Side (Project: Mooncircle)

Cinque canzoni
- Koudlam – Alcoholic’s Hymn
- Dillon – Thirteen Thirtyfive
- Panda Bear – Slow Motion
- Feist – How Come You Never Go There (Beck remix)
- M83 – Midnight City

Cinque concerti del 2011
- Busta Rhymes (Vox, Nonantola, 23.04.2011)
- The Tallest Man On Earth (Primavera Sound Festival, Barcellona, 27.05.2011)
- Beirut + The National (Ferrara Sotto Le Stelle, 05.07.2011)
- OFWGKTA e Dj Shadow (Primavera Sound Festival, Barcellona, 28.05.2011)
- Gotan Project (Hier Ici Demain Aussi, Parigi, 10.05.2011)

Il migliore live@Maps 2011
Badly Drawn Boy

Miglior artwork

Cut Copy – Zonoscope

I tre “music moments” del 2011
- proposta di matrimonio durante il concerto dei Pulp al Primavera Sound Festival 2011: lui (il fidanzato) si propone, lei felicissima bacia Jarvis Cocker.
- l’atmosfera durante il concerto dei Widowspeak nella cantina della profumeria Tatler (Bologna)
- sconcerto+cineconcerto: Toni Servillo e la filarmonica del Teatro Comunale di Bologna + Nosferatu e Le Voyage Dans La Lune accompagnati dall’orchestra (sempre del Teatro Comunale) in una calda Piazza Maggiore.

Video del 2011

A Classic Education – “Gone To Sea” from Jamie Harley on Vimeo.

Francesco | 09:00 | Wednesday 28 December 2011 | Comments Off
Mp3, Podcast, Speciali

La lista di Laura

I dieci dischi del 2011
1. Pj Harvey – Let England Shake (Island/Vagrant)
2. Thurston Moore – Demolished Thoughts (Matador)
3. The Black Keys – El camino (Nonesuch)
4. Unknown Mortal Orchestra – ST (Fat Possum)
5. Tom Waits – Bad as me (Anti)
6. Black Lips – Arabia Mountain (Vice)
7. Gazebo Penguins – Legna (To Lose La Track)
8. Battles – Gloss Drop (Warp)
9. Iceage – New Brigade (Escho/ Tambourhinoceros)
10. J Mascis – Severals shades of why (Sub pop)

I cinque dischi che… non ce l’hanno fatta
Anna Calvi – Anna Calvi (Domino)
Timber Timbre – Creep on Creepin’ on (Full time hobby)
Dirty Beaches – Badlands (Zoo Music)
Fucked Up – David comes to life (Matador)
James Blake – S/t (ATLAS, A&M, Polydor)

Cinque canzoni
1. In the dark places – Pj Harvey
2. How come you never go there – Feist
3. Cash & carry me home – Ghostpoet
4. Nerve Damage! – Unknown Mortal Orchestra
5. Wildfire – SBTRK

Cinque concerti del 2011
Pj Harvey (Piazza castello, Ferrara, 06.07.11)
Pissed Jeans (Primavera Sound, Barcellona, 12.05.11)
Thurston Moore (Teatro comunale, Ferrara, 07.12.11)
Bob Log III (Here I stay festival@Poetto, Cagliari, 30.07.11)
Shellac (Primavera Sound, Barcellona, 12.05.11)

Il migliore live@MAPS del 2011
Gazebo Penguins

Miglior artwork
Fast animals and slow kids – Cavalli

Miglior video

I tre “music moments” del 2011
Ovverosia, tre momenti particolarmente emozionanti legati alla musica
1. Vedere finalmente un concerto (due, per la precisione) di Pj Harvey, dopo otto anni di desiderio e fremente attesa (maggio e luglio, Barcellona e Ferrara).
2. Un fiume di persone che si riversava festante verso il palco dei Fleet Foxes, lasciandosi il mare alle spalle, con Mykonos suonata in sottofondo, al Primavera Sound a fine maggio.
3. La solidarietà e l’affetto (dimostrato con una serata “di recupero” partecipata e delirante, nella spiaggia Poetto di Cagliari) di artisti e pubblico dopo l’annullamento dell’Here I Stay Festival a luglio.

Francesco | 09:00 | Tuesday 27 December 2011 | Comments Off
Mp3, Podcast, Speciali

La lista di Jonathan

I dieci dischi del 2011 (in ordine casuale)

Oneohtrix Point Never – Replica (Mexican Summer)
Atlas Sound – Parallax (4AD)
Kurt Vile – Smoke Ring For My Halo (Matador)
Unknown Mortal Orchestra – s/t (Fat Possum)
The Babies – s/t (Shrimper)
Peaking Lights – 936 (Not Not Fun)
Girls – Father, Son, Holy Ghost (True Panther)
Dirty Beaches – Badlands (Zoo Music)
Widowspeak – s/t (Captured Tracks)
Vivian Girls – Share The Joy (Polyvinyl)

I cinque dischi che… non ce l’hanno fatta

(e ce ne sarebbero almeno altri 10…)

Real Estate – Days (Domino)
Iceage – New Brigade (Escho)
Sonny & the Sunsets – Hit After Hit (Fat Possum)
Tom Waits – Bad As Me (ANTI)
Crystal Stilts – In Love With Oblivion (Slumberland)

Cinque canzoni
1. Thurston Moore – Benediction
2. Career Suicide – Means To No End
3. Fanzine – Rocket Fuel
4. Cass Mccombs – County Line
5. Panda Bear – Alsatian Darn

Cinque concerti del 2011

The Fresh & Onlys (Covo Club, Bologna, 24.05.11)
Deerhunter (Primavera Sound, Barcelona, 29.05.11)
Odd Future + Unknown Mortal Orchestra + Yuck + Smith Westerms + Bass Drum Of Death (Club De Ville, SXSW, Austin, Marzo 2011)
The Babies (Mattatoio, Carpi, 4.12.11)
Sonny & the Sunsets (Spazio Elastico, Bologna, 23.04.11)

Il migliore live@MAPS del 2011

Movie Star Junkies

Miglior artwork

Oneohtrix Point Never – Replica

I tre “music moments” del 2011
Ovverosia, tre momenti particolarmente emozionanti legati alla musica
1. Call It Blazing esce finalmente e si fa un giro in America.
2. Portare Widowspeak insieme a Federico da Tatler.
3. Primavera Sound Festival 2011.

Video del 2011

Jonathan | 09:30 | Friday 23 December 2011 | Comments Off
Mp3, Podcast, Speciali

La lista di Francesco

I dieci dischi del 2011
1. PJ HarveyLet England Shake (Island)
2. VerdenaWow (BlackOut/Universal)
3. Thurston MooreDemolished Thoughts (Matador)
4. Gazebo PenguinsLegna (To Lose La Track)
5. Josh T. PearsonLast of the Country Gentlemen (Mute)
6. LowC’Mon (SubPop)
7. Atlas SoundParallax (4AD)
8. Tom WaitsBad as Me (Anti-)
9. M83Hurry Up, We’re Dreaming (Naïve)
10. The Black KeysEl Camino (Nonesuch Records)

I cinque dischi che… non ce l’hanno fatta
Girls – Father, Son, Holy Ghost
Bon Iver – ST
David Lynch – Crazy Clown Time
Mariposa – Semmai Semiplay
Zun Zun Egui – Katang

Cinque canzoni
1. Thurston Moore – Benediction
2. M83 – Midnight City
3. Mariposa – Pterodattili
4. Low – Try to Sleep
5. Sepalcure – Pencil Pimp

Cinque concerti del 2011 (in ordine cronologico)
1. John Grant (Chiesa di S. Ambrogio, Castenaso, Bologna, 19.04.11)
2. The National (Piazza Castello, Ferrara, 05.07.11)
3. PJ Harvey (Piazza Castello, Ferrara, 06.07.11)
4. Massimo Volume (Estragon, Bologna, 07.09.11)
5. Paul McCartney (Unipol Arena, Bologna, 26.11.11)

Il miglior live@MAPS del 2011
Mariposa

Miglior artwork
Unknown Mortal Orchestra – ST

I tre “music moments” del 2011
Ovverosia, tre momenti particolarmente emozionanti legati alla musica
1. Il fine settimana-Beatles, tra la prèmiere del documentario di Scorsese su Harrison, il concerto di McCartney e la visione del dvd speciale di Band on the Run
2. Lei che mi dice “Hi, I’m Polly Jean”, prima dell’intervista
3. L’ascolto solitario e notturno di Felt, di Nils Frahm

Video del 2011

Francesco | 09:00 | Thursday 22 December 2011 | 1 Commento »
Mp3, Podcast, Speciali

Il bestiario di Musica per Bambini

Manuel Bongiorni ha pubblicato solo un disco a suo nome, ma è noto ai più con il nome di Musica per Bambini, con il quale ha firmato diversi album. L’avevamo già sentito a proposito di Dio contro diavolo, ma è venuto a trovarci nei nostri studi per regalarci alcuni brani dal vivo dell’ultimo Dei nuovi animali.

Oltre a proporci, insieme a Andrea Mansi, tre brani tratti da questi due album in un’inedita versione acustica, i nostri ospiti ci hanno letteralmente storditi a colpa di calembour, battute e battutacce. Del resto, il tutto è in linea con il lavoro di Manuel, ben dimostrato dall’ultimo album: una sorta di bestiario allucinato, che è nato tutto, come potrete sentire dall’intervista, dalla necessità di dare un’altra datazione alla storia del mondo. Sì, sono pazzi, ma geniali: se siete stati al live di lunedì sera al Teatrino Clandestino, scriveteci i vostri pareri! Intanto, buon ascolto.

Francesco | 09:00 | Tuesday 20 December 2011 | Comments Off
Interviste, Mp3, Podcast

Katap: Burroughs e bambole gonfiabili

Cosa c’entra uno dei nomi più importanti del XX secolo con… un passatempo bizzarro? Ce lo spiegano i Katap, che hanno appena fatto uscire il loro terzo disco Bullet, mischiando suggerimenti punk e noise a solide basi elettroniche.
Qualche giorno prima del loro live all’Arteria abbiamo sentito al telefono Fabio che non solo ci ha parlato della band e del disco, ma ci ha anche incuriosito sulla concezione del live del gruppo napoletano.

Insieme a loro sul palco, infatti, c’è una bambola gonfiabile: la stessa che appare sulla copertina del disco. Gonfiabile sì, ma sgonfia. Perché? Ascoltate l’intervista, in cui Fabio ci racconta anche del brano “The Rest of Fluid”, che è lì per le vostre orecchie.

Francesco | 09:00 | Monday 19 December 2011 | Comments Off
Interviste, Mp3, Podcast

Festa in verde di mezza Campagna

Ci siamo! Questa sera al Locomotiv Club festeggiamo la Campagna Abbonamenti di Radio Città del Capo, che è giunta a metà. Infatti Maps andrà in onda, in forma deluxe, anche domani e i suoi conduttori allieteranno anche la domenica mattina e pomeriggio. Solo allora, tra più di quarantotto ore potremmo dichiarare chiusa anche questa Campagna Abbonamenti.

Tornando a questa sera, l’appuntamento è al Locomotiv per il concertodegli Amor De Dias, che saranno nei nostri studi oggi pomeriggio per un live acustico. Atmosfere sognanti, raffinatezza e grande classe per il duo che comprende membri di Clientele e Pipas. Dopo il concerto si balla coi dj della radio. Ma ricordatevi di venire vestiti di verde!

Amor de Días – Late Mornings from Merge Records on Vimeo.

Francesco | 08:00 | Friday 16 December 2011 | Comments Off
News

Scommesse: Amenta

Non è sempre detto che i primi della classe poi, nella vita, riescano ad esprimersi così bene come in classe e viceversa.
Così come dalle scuole di musica, dai conservatori, non è detto che venga fuori il nuovo Jaco Pastorius, anzi, se il talento c’è di scuola non bisogna poi farne tanta.
Amenta è una vera e propria sorpresa, sbucata fuori dal nulla, si è presa già gran parte dei miei pomeriggi, divenendo indispensabile. Musica elettronica di gran classe sovrastata da una voce vellutata, a compiere la rivoluzione dal basso di un genere fin troppo teso alla somiglianza e alla similitudine.
La rivoluzione è nella qualità, nella specifica intensità di ogni nota prodotta dal laptop o dalla voce, della ricerca ossessiva del tratto distintivo.

Amenta esplode con il suo primo lavoro (per la cifra ridicola di 3£ qui) dopo aver frequentato l’inaccessibile Red Bull Music Academy e dopo aver collaborato con numerosi produttori per dar vita a questo Sacred Places: echi di passato e influenze contemporanee fuse in cinque tracce da tenere a mente e ritrovare tutti i giorni; un disco, seppur virtuale, che marca un nuovo territorio, un nuovo sentiero dove potersi avventurare con prudenza: perdersi significherebbe forse troncare con il presente ed è un passo falso che in pochi potranno permettersi; Amenta pionieristicamente ci indicherà dove poggiare i piedi, prendendoci per mano con la grazia fin qui dimostrata, infondendo sicurezza verso il futuro.

Il futuro.

… e se ancora non ne avete abbastanza:
Soundcloud
Blogger
Twitter

Marco Mancini | 09:00 | Thursday 15 December 2011 | Comments Off
Mp3, Speciali